Il signore del fuoco – Torkil Damhaug

[Questa recensione è stata scritta per Thriller Cafè]

signore-del-fuoco-199x300Anni ’70. Khalid, immigrato pakistano, arriva ad Oslo dal Punjab, catapultato in un mondo letteralmente incredibile per lui, dai costumi troppo disinvolti, e dovrà faticare per riuscire a trovare la sua strada e garantire prosperità alla propria famiglia senza rinunciare alla sua cultura ed alle sue tradizioni.

Aprile 2003. Dan-Levi, giornalista e fervente pentecostale, sta seguendo il caso degli incendi che da qualche tempo colpiscono i dintorni della capitale norvegese. Il piromane crea qualcosa di cui è padrone ma che allo stesso tempo è più grande di lui, una forza demoniaca e divoratrice. Il fuoco, simbolo ancestrale di purificazione, consuma la sua rabbia, ma è uno sfogo momentaneo, un circolo vizioso che si auto-alimenta. Il fuoco parla, sussurra il suo volere. Ed è un richiamo irresistibile.

Continua a leggere a leggere su Thriller Cafè.

La mia libreria su Anobii.

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...