Il fiume ti porta via – Giuliano Pasini

[Questa recensione è stata scritta per Thriller Cafè]

pasiniA differenza di molti suoi colleghi, che fanno del rapporto privilegiato con una città un tratto riconoscibile dei loro romanzi, Giuliano Pasini ha cambiato ambientazione tre volte nel giro di tre libri: dopo Case Rosse e Termine è la volta della Bassa. Le location, però, sono tutt’altro che secondarie: l’autore ama condurci nei paesini di provincia, quelli in ritardo rispetto alla contemporaneità, nelle osterie dove si può ancora trovare scampoli di un’umanità quasi scomparsa, di un’accoglienza genuina che invita a condividere il cibo e le storie, accompagnando il tutto con del vino sincero. La causa di questo girovagare per l’Italia è la natura del suo protagonista: il commissario Roberto Serra è un apolide, eterno straniero perennemente in fuga dai tormenti della sua storia personale e alla ricerca di un equilibrio esistenziale che il mondo ed il suo lavoro non gli concedono.

Continua a leggere su Thriller Cafè.

La mia libreria su Anobii.

Annunci

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...