Archivi tag: Critica Letteraria

The Entertainer – John Osborne

[Questa recensione è stata scritta per Critica Letteraria]

osborne

L’istrione (questo il titolo italiano dell’opera, scritta nel 1957) racconta le vicende dei Rice, una famiglia che vive di spettacolo. Il nonno, Billy, è un reduce del teatro di varietà, ovvero del passato. Come tutti gli anziani, rimpiange quella che considera l’epoca d’oro, quando il music-hall era fatto da “gente vera”, senza bisogno di donne nude. Suo figlio Archie prosegue con la tradizione calcando il palcoscenico, ma secondo Billy non ha la sua stessa scorza, come d’altronde quel genere di spettacolo si è deteriorato irreversibilmente. La situazione non è delle più rosee: Archie fatica sempre di più a tirare avanti, il pubblico diminuisce e sembra che la sua carriera sia destinata ad un rapido declino.
Siamo i personaggi di uno spettacolo che non frega a nessuno.
Continua a leggere su Critica Letteraria.
Annunci

7-7-2007 – Antonio Manzini

[Questa recensione è stata scritta per Critica Letteraria]

6441-3

L’ultimo libro di Antonio Manzini dedicato a Rocco Schiavone (Orfani bianchi, il suo romanzo più recente, non fa parte della saga) è un tassello importante nella storia del vicequestore di Aosta. Le vicende che nelle puntate precedenti avevano portato all’omicidio della sua amica Adele, uccisa a casa di Schiavone perché scambiata per quest’ultimo, mettono alle strette il poliziotto che è costretto a raccontare ai superiori chi è l’assassino e perché ce l’ha con lui. Per farlo, dovrà andare indietro nel tempo e finalmente il lettore potrà scoprire cosa è successo quel fatidico 7 luglio 2007, una data che ricorre spesso nei gialli di questo scrittore perché è proprio quel giorno che è morta Marina, la moglie che Rocco non ha mai dimenticato (tanto da parlarci ancora e vederla, come fosse un fantasma quasi tangibile) e la cui scomparsa prematura ha determinato il carattere chiuso e dolente del protagonista.
Continua a leggere su Critica Letteraria.

L’uomo a rovescio – Fred Vargas

[Questa recensione è stata scritta per Critica Letteraria]

rovescio
Adamsberg amava i lupi come uno ama i propri incubi.
Nel Mercantour, da qualche tempo, vengono ritrovate pecore sgozzate, sempre più vicino ai villaggi. La gente del posto sostiene che sia opera di un lupo solitario, una belva come non se ne sono mai viste. Lawrence è un documentarista canadese che si è innamorato di queste bestie della zona e di Camille (non si sa in quale ordine) ed ha deciso quindi di restare in Francia; di fronte alla minaccia di una “battuta” per eliminare gli animali feroci che minacciano i pastori, Lawrence farà di tutto per proteggere quelle bestie, scontrandosi con la diffidenza degli abitanti di Saint-Victor.
L’amore ti mette le ali per segarti le gambe”: chi, di Fred Vargas, ha già letto almeno L’uomo dei cerchi azzurri non può non aver riconosciuto quel nome, Camille, come quello dell’antica fiamma di Adamsberg; la classica donna perduta che ossessiona la mente del commissario protagonista dei libri della nota autrice francese. Anche in questo romanzo, come nel precedente, si ripeterà l’eterno gioco dell’incontro e dell’addio che caratterizza la strana coppia, all’insegna di un romanticismo delicato e struggente.
Continua a leggere su Critica Letteraria.

L’amore degli insorti – Stefano Tassinari

[Questa recensione è stata scritta per Critica Letteraria]

484

Paolo è un cinquantenne, appartenente ad una “famiglia borghese illuminata e un po’ radical, ma non chic”; negli anni ’70 ha militato in un gruppo armato di sinistra. Successivamente ha cambiato nome (si fa chiamare Emilio) per nascondere il suo coinvolgimento attivo negli anni di piombo e condurre una vita normale. Un giorno riceve una lettera da una fantomatica Sonia che afferma di conoscere il suo passato e di voler scrivere un libro su di lui. Paolo percepisce il pericolo: non solo riportare a galla quegli eventi sarebbe destabilizzante per la sua attuale condizione, ma Sonia (o chi per lei) potrebbe anche non avere buone intenzioni.

Continua a leggere su Critica Letteraria.

La mia libreria su Anobii.

L’invisibile ovunque – Wu Ming

[Questa recensione è stata scritta per Critica Letteraria]

invisibile

I Wu Ming affrontano la Prima Guerra Mondiale costruendo un libro diviso in diverse parti a sé stanti, come tanti racconti che mostrano il conflitto da punti di vista particolari, gettando nuove luci su un repertorio storico che offre ancora, a distanza di un secolo, spunti da indagare per chi abbia la voglia di cercare.
Adelmo Cantelli vive con la sua famiglia (il padre, la madre ed il fratello maggiore) in un paesino sull’Appennino tosco-emiliano. Contadini, lavoratori della terra che con fatica tirano a campare. Ma il ragazzo non è attratto da quella vita, ha in mente solo la caccia. Il 16 settembre 1916 scappa di casa e parte volontario per la guerra. Dopo il suo battesimo di fuoco nelle trincee contro gli austriaci, Adelmo sente la necessità di passare agli Arditi: il reparto d’assalto è più consono alle sensazioni che prova, lì il conflitto assume i contorni che lui sta cercando.
Continua a leggere su Critica Letteraria.
La mia libreria su Anobii.

La città dell’oblio – René Frégni

[Questa recensione è stata scritta per Critica Letteraria]

5ca86b873d4dbbd7c096e699b3b56260

Ralph gestisce un gruppo di scrittura per detenuti. Sin da bambino per lui la prigione ha significato “sotterraneo”, “bara” e “cimitero”. Lavorare in carcere doveva quindi essere un modo per comprendere questo mistero, ma dopo tanti anni ha scoperto “che non si addomestica la morte”.
Solitario, lasciato dalla moglie un anno prima, il protagonista condivide coi prigionieri un senso di isolamento, di alienazione rispetto al mondo esterno.

Quando non possono segare le sbarre, affilano la loro crudeltà. Ma quando la notte cala sulla prigione, in fondo alla propria cella ciascuno di loro piange pensando alla propria madre.

Continua a leggere su Critica Letteraria.

La mia libreria su Anobii.

Il richiamo delle spade – Joe Abercrombie

[Questa recensione è stata scritta per Critica Letteraria]

richiamoIl richiamo delle spade è il capitolo iniziale della trilogia della Prima Legge, la prima incursione di Joe Abercrombie nel Mondo Circolare da lui creato. Un universo fantasy che si svela di libro in libro più interessante, tanto da costituire una lettura imperdibile per gli amanti del genere.

Tantissimi i personaggi di questa saga: si comincia con Logen, un sopravvissuto; ha visto morire i suoi amici e compagni uno ad uno, si è macchiato di azioni vergognose ed ora è stanco di tutte queste guerre, ma il sangue continua a mettersi sul suo cammino. Scampato ad un attacco dei terribili Testapiatta, ora è diretto a Sud verso un nuovo destino che lo attende. Sta accompagnando Bayaz, il Primo Mago, a reclamare il suo posto nel Consiglio Ristretto, causando sospetti e malumori nel governo dell’Unione. Nel frattempo, nelle Terre Arse ai confini di Gurkhul, Ferro Maljinn, ragazza spietata in cerca di vendetta contro l’Imperatore, si muove circospetta in compagnia del misterioso Yulmei, che pare avere poteri magici e un compito da affidarle: giungere incolume ad Adua per incontrare Bayaz; solo allora il suo destino potrà compiersi. Nella capitale il capitano Jezal si sta preparando ad un torneo, sfiancandosi in umilianti allenamenti impostigli dal suo superiore, un vero affronto per un nobile superbo. Sarà anche lui della partita, con esiti impensabili.

Continua a leggere su Critica Letteraria.

La mia libreria su Anobii.