Archivi tag: Falconi

Non avremmo mai dovuto – Francesca Bonafini e Caterina Falconi

[Questa recensione è stata scritta per Critica Letteraria]
nonavremmomaidovutoÈ stato dimostrato da ricerche approfondite condotte sul campo che ogni marito fedifrago, quando si rivolge alla propria amante, attinge più o meno inconsapevolmente, a un repertorio consolidato, una sorta di serbatoio dell’inconscio collettivo adulterino.
In questo agile libro dedicato alle frasi che gli uomini sposati dicono alle amanti, diviso in sezioni dai titoli programmatici (come dichiarazioni e promesse, ripensamenti post-coitali, sulla moglie e giustificazioni), le due autrici raccolgono brevi riflessioni teoriche e piccoli racconti esemplificativi.
Il tono, lo si capisce subito, è finto-scientifico e molto divertito. D’altronde “non ci resta che ridere”, visto che tutti siamo vittime del gioco dell’amore.

Continua a leggere su Critica Letteraria.

La mia libreria su Anobii.

Annunci

Sotto falsa identità – Caterina Falconi

[Questa recensione è stata scritta per Critica Letteraria]

sottofalsaidentità-325x487Fiore, dottoressa di un poliambulatorio situato a ridosso di un centro commerciale, ha alle spalle una intensa storia d’amore con un medico francese conosciuto in Africa; nonostante quest’uomo sia scomparso nel nulla da dieci anni, o forse proprio per questo, egli ingombra ancora con la sua presenza i pensieri quotidiani della protagonista di questo breve romanzo.
Attraverso le parole di una narratrice esterna (assente nel caso di Fiore, unico personaggio ad avere il privilegio della prima persona) conosciamo anche Marilena, reclusa in casa dalla figlia Elisabetta, che da piccola ha ricevuto poco affetto e che probabilmente per questo ha sviluppato un atteggiamento feroce nei confronti della madre; spinta da quella che sembra proprio essere una malattia paranoica ha rinchiuso l’anziana donna in casa impedendole qualsiasi contatto col mondo esterno, costringendola a condividere quella prigione con l’ex marito ora malato e reso inerme da Alzheimer e farmaci ma un tempo violento picchiatore, tentando così una posticcia ed insana riconciliazione familiare.

Continua a leggere su Critica Letteraria.

La mia libreria su Anobii.