Archivi tag: Thriller cafè

La ragazza senza ricordi – C.L. Taylor

[Questa recensione è stata scritta per Thriller Cafè]

senza ri

Un biglietto anonimo arriva alla protagonista del libro, una ragazza che lavora in un centro di accoglienza per animali, ed apre uno squarcio nella sua vita ordinaria: “So che il tuo vero nome non è Jane Hughes” dice la lettera, ed in effetti la donna ammette subito che il suo vero nome è Emma Woolfe e che da cinque anni finge di essere un’altra. Ma anche nell’esistenza precedente, che ci viene raccontata in alternanza a capitoli ambientati ai nostri giorni, almeno inizialmente non sembra esserci nulla di misterioso: Emma era una ragazza fragile, insicura, sottomessa sul lavoro e con un rapporto distorto con la madre, ma niente pare giustificare il cambio d’identità.

Continua a leggere su Thriller Cafè.

La mia libreria su Anobii.

La stagione del sangue – Samuel Bjork

[Questa recensione è stata scritta per Thriller Cafè]

600x600bb_85

Una ragazza morta, trovata in una radura. Nuda, ma circondata da piume e con un giglio bianco in bocca. Come se non bastasse, nel suo stomaco vengono trovati solo residui di croccantini. Cibo per animali.
Samuel Bjørk deve avere una vera e propria passione per le sette: dopo la strana chiesa del primo romanzo, La stagione degli innocenti, tornano i rituali occulti che sfociano negli omicidi, così come si ripresentano i delitti nei confronti dei minori e, tema classico del genere, i misteri che arrivano dal passato.

Continua a leggere su Thriller Cafè.

La mia libreria su Anobii.

Prima di dirti addio – Piergiorgio Pulixi

[Questa recensione è stata scritta per Thriller Cafè]

index12Il magistrato Gualtieri arresta in Colombia il mega-latitante Pagani, il più grande narco-broker del mondo, che gestisce droga e soldi di tutte le cosche della ‘ndrangheta, praticamente colui che ha in mano il destino delle mafie internazionali. La sua cattura è dunque anche un atto di guerra per la conquista della leadership delinquenziale a cui ambiscono i cartelli messicani, e quando Sinaloa si mette contro la criminalità organizzata calabrese il risultato può essere solo uno: sangue.
Si capisce che un uomo come Pagani, con tutti i suoi segreti, non può essere lasciato a lungo nelle mani dello Stato. Per penetrare nell’imponente sistema di protezione che gli è stato affibbiato gli ‘ndranghetisti decidono di servirsi di Biagio Mazzeo, il poliziotto già protagonista di Una brutta storia, La notte delle pantere e Per sempre.

Continua a leggere su Thriller Cafè.

La mia libreria su Anobii.

I giorni della cagna: la presa di Roma – Daniele Autieri

[Questa recensione è stata scritta per Thriller Cafè]

giorni-cagna-autieri-189x300Per Claudio Accardi tutto comincia provando ad importare cocaina dal Venezuela via mare, trasportando il carico lungo l’Atlantico a bordo della sua barca. Saputa la cosa, al suo amico Max Sanna viene un’idea: trasformare quel tentativo in un vero business iniettando nel mercato romano un gran quantitativo di droga saltando tutti gli intermediari e garantendosi dunque ricavi stratosferici.

Continua a leggere su Thriller Cafè.

La mia libreria su Anobii.

Noli me tangere – Andrea Camilleri

[Questa recensione è stata scritta per Thriller Cafè]

noli-me-tangere-camilleri-201x300

Laura, moglie del noto scrittore Mattia Todini, è scomparsa: aveva detto al marito che sarebbe andata nella loro casa in campagna a trascorrere qualche giorno da sola per superare uno dei momenti di inazione totale che la colgono di tanto in tanto ma non è mai arrivata alla villa. La donna stava iniziando a scrivere il suo primo romanzo e la stampa ipotizza subito che l’improvvisa sparizione sia in realtà una trovata pubblicitaria.

Continua a leggere su Thriller Cafè.

La mia libreria su Anobii.

Il cappotto della macellaia – Lilia Carlota Lorenzo

[Questa recensione è stata scritta per Thriller Cafè]

cappotto-macellaia-201x300

All’alba di giovedì 7 ottobre 1943, in un paese sperduto delle pampas argentine, fu ucciso un uomo.
La verità non venne mai a galla: i morti non parlano, gli assassini non si autoaccusano, l’unico testimone non disse nulla perché era il vero colpevole.

Il paese, l’assassinio, la sarta, il macellaio e il cappotto sono veramente esistiti. Il resto è frutto della mia immaginazione, ci informa Lilia Carlota Lorenzo, l’autrice di questo bizzarro Il cappotto della macellaia ambientato a Palo Santo, un paese di 8 isolati e 207 abitanti. La scrittrice ci propone un resoconto divertito dei fatti capitati ai suoi curiosi personaggi, che ci vengono presentati con capitoletti dedicati di volta in volta a ciascuno di loro: la sarta Fernández, la maestra Andreani detta la Macellaia per via del lavoro del marito, la sua grassissima figlia Silfide, chiamata teneramente Pagnottina, le sorelle Marcantonia e Solimana Paganini, la prima affetta da disturbi psichici e la seconda una ninfomane custode di un segreto che riguarda anche Pepincito, figlio della sarta e del cacciatore, un uomo che si lava solo per le grandi occasioni; e poi la vedova Manchù, centralinista che avversa il contatto con altri esseri umani ma grazie al suo lavoro sa tutto di tutti, il bulletto Reinoso e il vecchio Tiko.

Continua a leggere su Thriller Cafè.

La mia libreria su Anobii.

Un caso come gli altri – Pasquale Ruju

[Questa recensione è stata scritta per Thriller Cafè]

ruju1Una stanza per gli interrogatori. Due donne, una di fronte all’altra. Silvia Germano, sostituto procuratore, e Annamaria Ferraro, vedova. Cos’è successo? Al momento sappiamo solo che il defunto marito dell’arrestata, Marcello Nicotra, è “la vittima”. Il colloquio tra queste due donne antitetiche (bionda la prima, dai capelli corvini la seconda; rappresentante della giustizia una, evidentemente coinvolta in qualche delitto l’altra) servirà proprio a fare chiarezza su quanto è avvenuto.

Continua a leggere su Thriller Cafè.

La mia libreria su Anobii.