Archivi tag: Thriller cafè

La sostanza del male – Luca D’Andrea

[Questa recensione è stata scritta per Thriller Cafè]

La-sostanza-del-male-luca-dandrea-188x300

Jeremiah Salinger è un documentarista, per la precisione un autore di factual, quelle serie tv che raccontano fatti e persone reali seguendole con la telecamera. Dopo il successo ottenuto mostrando il mondo rock’n’roll dei roadies americani, assieme all’amico Mike si concentra su un nuovo progetto dedicato al Soccorso Alpino Dolomiti del Trentino Alto Adige. Quando una valanga uccide tutti i suoi compagni, Jeremiah è l’unico che sopravvive grazie ad un rifugio di fortuna dentro un ghiacciaio. Un’esperienza che lo sconvolge, dando inizio ai turbamenti che lo cambieranno profondamente, scatenando in lui ossessioni e panico. La Bestia, il ventre oscuro della montagna, gli ha parlato ed è una voce che non si può scordare. È un animale feroce che se ne sta nascosto dentro di lui. E morde. Sempre.

Continua a leggere su Thriller Cafè.

Annunci

Il lupo in inverno – John Connolly

[Questa recensione è stata scritta per Thriller Cafè]

lupo-inverno-john-connolly-194x300

L’uomo è cacciatore, recita un proverbio, e spesso le sue prede sono altri uomini. Lo sono quelle del Collezionista, serial killer che guidato dai consigli dell’Avvocato si fa giuria e boia di coloro che ritiene colpevoli. A sua volta questo assassino è cacciato da una task force che vuole vendicare la morte di un loro collega. Inizia così il nuovo romanzo di John Connolly, riprendendo i fili dei libri precedenti ma introducendo subito una nuova indagine. A Portland un senzatetto di nome Jude sta morendo impiccato, non per sua volontà. L’ultimo desiderio è quello di chiedere all’investigatore privato Charlie “Bird” Parker di indagare sulla scomparsa di sua figlia, una sbandata forse più del padre, di cui non si ha più traccia da quando è andata a Prosperous, nel Maine.

Continua a leggere su Thriller Cafè.

Un altro da uccidere – Federico Axat

[Questa recensione è stata scritta per Thriller Cafè]

axat-un-altro-da-uccidere-198x300

Dopo aver scoperto di avere un tumore al cervello Ted Mckay sta per uccidersi sparandosi un colpo in testa, quando qualcuno bussa insistentemente alla sua porta: spinto anche da un misterioso biglietto con la sua calligrafia (che lui non ricorda di aver scritto) che lo invita ad aprire, Ted fa entrare l’avventore, Justin Lynch, il quale afferma di sapere dei suoi intenti suicidi. Lo strano visitatore non perde tempo: lavora per un’organizzazione che si occupa di approfondire casi giudiziari sospetti; quello che propone a Ted, visto che non ha nulla da perdere dato che stava per ammazzarsi, è di uccidere un uomo colpevole di omicidio che però l’ha fatta franca in tribunale. Ma l’offerta prevede anche che Ted debba uccidere un altra persona, uno come lui, ovvero un aspirante suicida; in cambio riceverà lo stesso trattamento: venendo ucciso (come se si trattasse di un delitto casuale) il protagonista risparmierà alla sua famiglia il peso di sapere che si è tolto la vita volontariamente.

Continua a leggere su Thriller Cafè.

La mia libreria su Anobii.

Vi scrivo dal buio – Jean-Luc Seigle

[Questa recensione è stata scritta per Thriller Cafè]

cover_9788866327646_1757_600

Vi scrivo dal buio ha come protagonista Pauline Dubuisson, una giovane donna francese esistita realmente, divenuta suo malgrado famosa in seguito alla condanna nel 1953 per l’omicidio del suo ex fidanzato Félix Bailly. L’autore, Jean-Luc Seigle, si immagina il contenuto dei quaderni che Dubuisson ha effettivamente lasciato, ipotizzando cosa possa avere scritto in essi e riportandoli come se il romanzo fosse il diario di Pauline, scritto dunque in prima persona. Il libro comincia con la protagonista che, dopo la Liberazione, si è rifugiata in Marocco per cercare quella quiete che in patria le è negata a causa del clamore suscitato dal suo caso giudiziario (trasposto al cinema in un film con Brigitte Bardot). Il memoir torna agli avvenimenti passati cercando di chiarire le circostanze che hanno portato al delitto: Pauline afferma infatti che nessuno conosce la verità perché non l’ha mai detta, nemmeno in tribunale.

Continua a leggere su Thriller Cafè.

La mia libreria su Anobii.

La ragazza senza ricordi – C.L. Taylor

[Questa recensione è stata scritta per Thriller Cafè]

senza ri

Un biglietto anonimo arriva alla protagonista del libro, una ragazza che lavora in un centro di accoglienza per animali, ed apre uno squarcio nella sua vita ordinaria: “So che il tuo vero nome non è Jane Hughes” dice la lettera, ed in effetti la donna ammette subito che il suo vero nome è Emma Woolfe e che da cinque anni finge di essere un’altra. Ma anche nell’esistenza precedente, che ci viene raccontata in alternanza a capitoli ambientati ai nostri giorni, almeno inizialmente non sembra esserci nulla di misterioso: Emma era una ragazza fragile, insicura, sottomessa sul lavoro e con un rapporto distorto con la madre, ma niente pare giustificare il cambio d’identità.

Continua a leggere su Thriller Cafè.

La mia libreria su Anobii.

La stagione del sangue – Samuel Bjork

[Questa recensione è stata scritta per Thriller Cafè]

600x600bb_85

Una ragazza morta, trovata in una radura. Nuda, ma circondata da piume e con un giglio bianco in bocca. Come se non bastasse, nel suo stomaco vengono trovati solo residui di croccantini. Cibo per animali.
Samuel Bjørk deve avere una vera e propria passione per le sette: dopo la strana chiesa del primo romanzo, La stagione degli innocenti, tornano i rituali occulti che sfociano negli omicidi, così come si ripresentano i delitti nei confronti dei minori e, tema classico del genere, i misteri che arrivano dal passato.

Continua a leggere su Thriller Cafè.

La mia libreria su Anobii.

Prima di dirti addio – Piergiorgio Pulixi

[Questa recensione è stata scritta per Thriller Cafè]

index12Il magistrato Gualtieri arresta in Colombia il mega-latitante Pagani, il più grande narco-broker del mondo, che gestisce droga e soldi di tutte le cosche della ‘ndrangheta, praticamente colui che ha in mano il destino delle mafie internazionali. La sua cattura è dunque anche un atto di guerra per la conquista della leadership delinquenziale a cui ambiscono i cartelli messicani, e quando Sinaloa si mette contro la criminalità organizzata calabrese il risultato può essere solo uno: sangue.
Si capisce che un uomo come Pagani, con tutti i suoi segreti, non può essere lasciato a lungo nelle mani dello Stato. Per penetrare nell’imponente sistema di protezione che gli è stato affibbiato gli ‘ndranghetisti decidono di servirsi di Biagio Mazzeo, il poliziotto già protagonista di Una brutta storia, La notte delle pantere e Per sempre.

Continua a leggere su Thriller Cafè.

La mia libreria su Anobii.