Archivi tag: Carrisi

La ragazza nella nebbia – Donato Carrisi

[Questa recensione è stata scritta per Thriller Cafè]

La-ragazza-nella-nebbia-Donato-Carrisi-202x300Il libro si apre con una scena che inchioda subito il lettore alle pagine: in una notte gelida, lo psichiatra Flores è chiamato dalla polizia di Avechot (paese alpino di confine abitato da una comunità fortemente religiosa, quasi una setta) per far luce su quanto è successo all’agente speciale Vogel, trovato in stato confusionale in seguito ad un incidente d’auto. Illeso ma coperto di sangue, evidentemente non suo.

Secondo uno schema ormai classico ma ancora capace di generare la giusta suspense, un flashback ci porta a qualche tempo prima, quando in paese è appena scomparsa la sedicenne Anna Lou, appartenente ad una delle famiglie più devote della cittadina, sparita nel tratto di strada che separa casa sua dalla chiesa. E’ proprio Vogel ad occuparsi del caso, e la trama si muove per sbalzi temporali avanti e indietro rispetto al giorno della scomparsa, una tecnica letteraria (e cinematografica) che usata con sapienza come sa fare Carrisi risulta davvero coinvolgente. Il racconto ci cala in atmosfere perfette per gli amanti del thriller, in parte differenti da quelle cui lo scrittore ci ha abituati: se negli altri suoi romanzi si lasciava più spazio alla speculazione sul Male in senso assoluto, qui la trama è maggiormente incentrata sulla detection del caso specifico e quindi sull’azione. Il risultato è un’avvincente storia di genere che si presterebbe molto bene ad una moderna serie tv e che verrà portata al cinema dallo stesso Carrisi col suo esordio da regista.

Continua a leggere su Thriller Cafè.

La mia libreria su Anobii.

Annunci

Il cacciatore del buio – Donato Carrisi

Marcus ha un dono. O forse una maledizione. Riesce a vedere il male nell’apparente normalità dello scorrere della vita quotidiana, ne sa intercettare gli impercettibili turbamenti. Anomalie, le chiama. Può immedesimarsi a tal punto coi delinquenti da riuscire ad interpretarne la psicologia partendo dai dettagli delle scene del crimine che agli altri non dicono nulla.
Marcus fa parte dei penitenzieri, un’istituzione con cui la Chiesa indaga, attraverso il più grande archivio dei delitti della storia dell’uomo, su un particolare tipo di crimine, quello da cui emerge il male assoluto, il peccato mortale, il diavolo; tanti modi per cercare di esprimere qualcosa di inafferrabile e spaventoso: la malvagità insita nell’animo umano.

Continua a leggere a leggere su Thriller Cafè.